Le "mie" mappe

Usando gli strumenti di ResearcherID, mi sono generato due mappe relativamente interessanti, quella delle collaborazioni scientifiche (tramite coautori degli articoli):

e quella delle citazioni (da che istituzioni provengono):

| Mercoledì 26 Marzo 2014 at 10:53 am | | riCercare, vdm | Nessun commento
Tag usati: ,

I "miei" (ex) studenti lavorano.

Come riporta il Messaggero Veneto, secondo l'ultimo rapporto Almalaurea Udine è l'università del Nord Est i cui laureati lavorano di più a un anno dalla laurea. In particolare, a lavorare di più sono i medici (61%), gli informatici (59%) e gli ingegneri (52%, anche se chissà perché il Messaggero li mette per secondi). Laureee faticose, però rendono. E diversi informatici per mia esperienza lavorano già prima di laurearsi.

Anche se l'altra notizia è che in Italia la laurea è meno redditizia che all'estero, almeno 15% di stipendio in meno secondo una ricerca di Bankitalia.

| Giovedì 13 Marzo 2014 at 1:18 pm | | riCercare, vdm | Nessun commento
Tag usati:

Un'applicazione Web per monitorare gli abilitati interni

Qualche sera fa, ispirato dal bel lavoro di analisi di Moreno Marzolla, ho messo assieme velocemente un'applicazione Web che monitora costantemente i risultati dell'Abilitazione Scientifica Nazionale 2012, confrontandoli con i vari docenti dell'Ateneo di Udine (a meno di omonimie). Permette di vedere quanti sono gli abilitati nei vari dipartimenti e settori, man mano che si vengono a sapere. Se volete, dà una misura del pasticcio in cui ci troveremo... 

Abilitudine (sì, questo è il nome, sempre nella serie di Abilitanvur) è qua: http://mitel.dimi.uniud.it/varia/abilitudine/

| Sabato 08 Febbraio 2014 at 4:48 pm | | riCercare, vdm | Nessun commento

Cambio di orario per l'appello di Inglese, Economia, Informatica ed Etica a Medicina

Causa un disguido capitato in segreteria didattica, il primo appello del corso integrato IEIE (Inglese, Economia, Informatica ed  Etica) che si tiene il 9 gennaio 2014 è spostato al pomeriggio, ore 1330, in piazzale Kolbe nelle aule A e B (la mattina non c'erano aule libere da nessuna parte). Domani mattina partirà l'email ufficiale con l'aggiornamento.

| Martedì 07 Gennaio 2014 at 5:35 pm | | riCercare, vdm | Nessun commento
Tag usati: ,

La bufala del WiFi pericoloso: un paio di riferimenti per orientarsi

Premesso che esistono studi seri su onde elettromagnetiche e corpo umano e molto probabilmente tra un po' sapremo che, come per ogni cosa, il troppo stroppia, la notizia che gira in questi giorni (e che non linko per non propagare) è una bufala vera e propria perché mette assieme in modo furbo una serie di cose che c'entrano poco col WiFi.

Visto che il grosso l'ha fatto il blog Bufale un tanto al chilo, qui aggiungo e specifico meglio un paio di dettagli.

Intanto, i dati del prof. Goldsmith. Mi pare che quanto riferito venga quasi esclusivamente da una sua review del 1997 (Goldsmith JR. Epidemiologic evidence relevant to radar (microwave) effects. Environ Health Perspect. 1997 Dec;105 Suppl 6:1579-87). 

Per esempio, la frase: "l’esposizione alle radiazioni di microonde Wi-Fi è diventata ormai la prima causa di aborti spontanei: addirittura nel 47,7% dei casi di esposizione a queste radiazioni, i casi di aborto spontaneo si verificano entro la settima settimana di gravidanza".

Terrificante, ma... Goldsmith riporta il dato da questo lavoro: Ouellet-Hellstrom R, Stewart WF. Miscarriages among female physical therapists who report using radio- and microwave-frequency electromagnetic radiation. Am J Epidemiol. 1993 Nov 15;138(10):775–786. Si tratta di uno studio effettuato su fisioterapiste che praticavano la diatermia ad onde corte ed a microonde sui loro pazienti (cos'è la diatermia). Non ho potuto leggere l'articolo completo riguardo i numeri che cita Goldsmith, però nella bufala si parla di 5 µW/cm2 , mentre Goldsmith per la diatermia a microonde parla di 0.08-1.2 mW/cm2 (cioè 80-1200 µV/cm2 con punte di 15 mW). 

Ci voleva però un po' di complotto, perché se di tutto questo Goldsmith parla liberamente, la notizia dove sta? E quindi un riferimento all'OMS e ad un documento top secret

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha evidenziato questi rischi in un documento di 350 pagine noto come "International Symposium Research Agreement No. 05-609-04"   ("Effetti biologici e danni alla salute dalle radiazioni a microonde") (...) Questo documento è stato classificato ‘Top Secret’ e i suoi contenuti celati dall’OMS e dall’ICNIRP.

Ora, è un titolo un po' strano per un documento, e non si riesce a trovare non perché è secretato ma perché è altra cosa.... si tratta molto probabilmente del contratto di sponsorizzazione dell'OMS per il congresso internazionale Biological Effects and Health Hazards of Microwave Radiation, tenutosi a Varsavia nel 1973, che ha avuto atti pubblicati uno o due anni dopo (top secret? si trovano ancora in vendita, questi atti di 40 anni fa). Si trova anche una recensione del 1975, che definisce gli atti "... una preziosa rassegna dello stato dell'arte con tutte le inconsistenze e disaccordi annotate e discusse (...) vasta divergenza dei risultati di ricerca ..." (cioè: in termini scientifici, una pubblicazione onesta). 

Torno alla prima frase di questo post: prima o poi forse scopriremo che il troppo stroppia (del resto, all'età della pietra non si moriva in incidenti automobilistici), ma se chi intende attirare l'attenzione su questo possibile problema ha bisogno di spararle grosse, allora forse non è tutto così ovvio.

| Lunedì 23 Dicembre 2013 at 2:52 pm | | riCercare | Due commenti
Tag usati: , ,

Appello extra per Biotecnologie Sanitarie

Lunedì 8 luglio, ore 930 c/o pad. Tullio dò un appello extra di Elaborazione ed Analisi di Bioimmagini per il corso di laurea magistrale in Biotecnologie Sanitarie.

| Venerdì 05 Luglio 2013 at 08:58 am | | vdm | Nessun commento

Corso di informatica medica (per informatici)

A causa di una riunione telematica non facilmente rimandabile, la lezione di informatica medica del 27 febbraio è sospesa: il corso inizia quindi il 28 febbraio.

| Martedì 26 Febbraio 2013 at 11:22 am | | riCercare, vdm | Nessun commento
Tag usati:

ABILITANVUR 2013

Ho aggiornato Abilitanvur in modo che calcoli gli anni sulla base del 2013. Ho però lasciato disponibile la versione 2012 a questo indirizzo: http://mitel.dimi.uniud.it/varia/abilitanvur/index2012.php.

Ricordo anche che Abilitanvur espone gli identificatori degli articoli richiesti dal MIUR con note prot. n. 3887 del 21.02.2013 e prot. n. 3209 del 14.02.2013 (la scadenza è il 4 marzo). Dopo il calcolo, in fondo si vedono la lista degli articoli e gli identificatori, quando disponibili (quelli che iniziano con MEDLINE non si utilizzano). Basta copiare ed incollare.

Questa era cosa facoltativa al momento della domanda, ma ovviamente dal punto di vista pratico ci deve pensare l'autore, visto che è suo interesse e non è semplicissimo estrarli con certezza dai database. D'altro canto questo significa anche l'obbligo per tutti gli atenei di comprare l'accesso a Scopus e ISI, e rende la vita difficile agli esterni... servirà una qualche iniziativa in questa direzione (es. che sia il Cineca a fornire l'accesso a tutti gli iscritti).

| Martedì 26 Febbraio 2013 at 11:14 am | | riCercare, vdm | Nessun commento

Abilitanvur: nuova funzione

Chiedo scusa per averci pensato così tardi, comunque ora in fondo ai calcoli c'è la lista dei propri articoli con i codici ISI o Scopus (a seconda del file caricato), da copiare e incollare negli appositi campi del sito Cineca. 

Inoltre forse ho capito come vengono esportati i file di ISI privi di conteggio delle citazioni: mi pare di averne ottenuto uno esportando da una pagina di ricerca specifica per Author Search. La ricerca fatta con il metodo usuale (quello che presenta 3 campi iniziali) non dovrebbe avere problemi.

mitel.dimi.uniud.it/varia/abilitanvur/

| Giovedì 15 Novembre 2012 at 12:42 pm | | riCercare, vdm | Nessun commento

L'infanzia di Gödel e altri algoritmi

Computer, reti, programmazione, i loro fondamenti teorici, Gödel, Turing, Chomsky: temi e personaggi che, in versi, diventano scuse per parlare di ciò che di solito si trova nella poesia. E la poesia diventa una scusa per parlare di come è nata e di come funziona l'informatica, a partire dalle poesie di Algoritmi.

Mercoledì 14 novembre 2012, ore 15, Educafè - Campus Leonardo - Piazza Leonardo da Vinci 32, Milano

La lettura/seminario si tiene nell'ambito dei seminari di EffeDiEsse del Politecnico di Milano.

| Venerdì 09 Novembre 2012 at 07:54 am | | doubleVie, riCercare, vdm | Un commento
Tag usati: ,

Scopus ha fatto il suo Abilitanvur

Ho appena ricevuto notizia che Scopus ha inserito il calcolo dei tre parametri nella sua interfaccia di ricerca per autore. C'è un link denominato "Italian Professorship Qualification" (in basso a destra) tramite il quale si avvia la procedura di calcolo.

| Lunedì 29 Ottobre 2012 at 12:52 pm | | riCercare, vdm | Tre commenti

Piccolo aggiornamento di ABILITANVUR

Siamo oltre 44000 "calcoli" fatti da ABILITANVUR.

Nell'ultima versione, grazie ad un suggerimento di Carmen sul blog, ho aggiunto un campo per indicare i mesi da sottrarre all'età accademica nei casi previsti. 

Ho anche reso più flessibile la lettura dei file provenienti da ISI, che a volte (e non so perché) contengono più campi di quelli che si vedono qua a Udine. Però alcuni dei file non funzionanti che mi sono stati spediti come esempio non contengono il numero di citazioni per articolo, per cui non sono utilizzabili per due dei tre parametri bibliometrici. 

Se qualcuno ha qualche file di ISI/WoS che non funziona, verifichi prima di tutto che il campo TC ci sia e contenga qualcosa. Se sì e non funziona, per cortesia me lo spedisca che investigo. Sempre che nel frattempo non sia uscito il famoso semaforo.

| Giovedì 25 Ottobre 2012 at 4:04 pm | | riCercare, vdm | Cinque commenti

Corso di informatica medica (per informatici)

Poiché il programma è introvabile sul sito dell'Università, eccolo (a meno di aggiornamenti che farò prima dell'inizio, visto che sarà nel secondo periodo didattico).

Finalità del Corso

Il corso di Informatica Medica si propone di introdurre gli studenti ai problemi specifici legati all'applicazione delle metodologie e tecnologie informatiche in ambito medico-clinico, partendo da un'introduzione alle caratteristiche dei dati e del ragionamento in Medicina. Particolare attenzione viene rivolta ai sistemi informativi in ambito clinico sia per i temi più tradizionali, come le cartelle cliniche elettroniche, sia per quanto riguarda aspetti prossimi al supporto alla decisione, come i sistemi basati sui protocolli ed il necessario supporto costituito dalle terminologie. Nel corso verranno, inoltre, sottolineati quegli aspetti applicativi tipici dell'ambito medico, ed al contempo riguardanti problemi aventi anche una valenza generale, che si configurano come validi banchi di prova per settori di ricerca dell'informatica, quali, ad esempio, l'elaborazione ed analisi di biosegnali e bioimmagini, e le applicazioni del Semantic Web alla Medicina.

Programma del Corso

   1. Caratteristiche dei dati e del ragionamento in Medicina

   2. La cartella clinica elettronica

         1. caratteristiche

         2. implementazione e standard disponibili

   3. Terminologie e classificazioni

   4. Sistemi basati sui protocolli

   5. Elaborazione di biosegnali e bioimmagini

   6. Applicazioni mediche del Semantic Web 

Casi di studio: sistemi, articoli scientifici, seminari esterni

Modalità d'esame

Lo studente approfondirà un tema del corso, a scelta, mediante una delle seguenti modalità: un seminario interno durante lo svolgimento del corso, oppure una relazione scritta, oppure un progetto breve. A seguito di ciò, l'esame consiste in un colloquio nel corso del quale verrà verificata la capacità dello studente di considerare e fondere sia gli aspetti teorico-metodologici propri dell'informatica sia le esigenze applicative tipiche dell'ambito medico-clinico.

Testi consigliati

  • E. H. Shortliffe, L. M. Fagan, G. Wiederhold, L. E. Perreault . Medical Informatics: Computer Applications in Health Care and Biomedicine (Springer-Verlag, 2000, 2° ed.)
  • J. Van Bemmel, M. A. : Handbook of Medical Informatics (Springer-Verlag,2002, 2° ed.)
  • E.Coiera. Guida all’Informatica Medica, Internet e Telemedicina. (Pensiero Scientifico, 2000)
  • Materiale fornito a lezione, ed altre fonti indicate dal docente.

| Lunedì 01 Ottobre 2012 at 4:43 pm | | riCercare, vdm | Nessun commento

"Hackerare" la propria cartella clinica: è proprio necessario e/o efficace?

Chiunque si ritrovi con la diagnosi di una malattia pesante come il cancro ha diritto di fare quel che vuole, e quindi a Iaconesi auguro prima di tutto ogni possibile bene per il decorso della sua malattia.

Sull'efficacia del mettere online i propri dati sanitari dal punto di vista medico si è già espresso Umberto Veronesi su Repubblica; io, visto che sono docente di informatica medica, vorrei focalizzare l'attenzione sugli aspetti tecnici.
In breve, Iaconesi, cui è stato diagnosticato un probabile glioma di basso grado, ha messo online le sue immagini diagnostiche con il nome affascinante di "cura open source" per "farle vedere a molti dottori". Di esse dice su Wired:

"sono andato a ritirare la mia cartella clinica digitale: devo farla vedere a molti dottori. Purtroppo era in formato chiuso e proprietario e, quindi, non potevo aprirla né con il mio computer, né potevo mandarla in quel formato a tutti coloro che avrebbero potuto salvarmi la vita".

Sul suo sito le immagini sono disponibili come copia del CD che gli è stato consegnato e anche nel formato "hackerato", cioè in JPEG. Io mi sono scaricato l'originale, e come sospettavo si tratta di immagini in formato DICOM, lo standard utilizzato dai cosiddetti PACS (i sistemi utilizzati in radiologia per conservare le immagini digitali), ed anche per distribuire su supporto magnetico o ottico le immagini stesse.

DICOM è uno standard internazionale sviluppato da una comunità di aziende, utenti e ricercatori nel corso di molti anni proprio per ovviare al problema delle immagini in formato proprietario tipiche dei primi PACS: un insieme di dati e immagini DICOM può essere letto da qualsiasi visualizzatore DICOM, e si porta dietro tutti i dati necessari per una corretta interpretazione da parte del medico. Infatti non ci sono solo immagini, ma anche metadati come il tipo di macchinario ed i parametri di acquisizione, i dati del paziente, i dati del medico responsabile, ecc. In questo modo il medico che riceve i file ha tutto il necessario per una corretta interpretazione delle immagini.

Non solo: le immagini radiologiche hanno spesso un numero di livelli di grigio più elevato di quelli memorizzabili sui formati immagine più usuali, e visualizzabili sui monitor di uso domestico. DICOM permette quindi di memorizzare immagini con 10,12,14 bit di profondità (corrispondenti a migliaia di livelli di grigio contro i 256 che usiamo normalmente). Immagini che il medico dovrebbe esaminare utilizzando monitor adeguati e certificati.

Questi due fatti danno luogo a qualche osservazione.

Prima di tutto, le immagini erano fin dall'inizio in un formato standard. Non uno di quelli che siamo abituati ad utilizzare per le nostre fotografie, ma si tratta di immagini cruciali, non certo foto ricordo delle vacanze. JPEG è un formato per immagini a colori, con 256 livelli per canale, ed a perdita di informazione: parte di ciò che c'era nelle immagini originali viene quindi perso nella conversione. Il medico prudente non firmerebbe mai una diagnosi su immagini del genere, a meno che il contenuto non sia così ovvio da non rendere necessario un esame ulteriore oltre a quello del medico che le ha acquisite.

Per il formato DICOM esistono visualizzatori per ogni piattaforma. Sul CD viene distribuito solo quello per Windows, però sul CD stesso c'è un file README.TXT che dice che il visualizzatore sarebbe multipiattaforma. Probabilmente l'ospedale paga le licenze solo per la versione Windows. L'ospedale non è vittima inconsapevole: è al massimo inconsapevole utente di uno standard che per fortuna esiste. Io personalmente obbligherei ad includere i visualizzatori per tutte e tre le piattaforme principali, o quantomeno link a programmi adeguati, ma ovviamente il problema è relativo, visto che i destinatari di tale CD -i medici- sul luogo di lavoro hanno quasi sempre Windows, oppure il terminale di un PACS.

Io, che come Iaconesi non uso Windows, ho aperto le immagini sul mio Mac usando Osirix, free ed open source, del quale esiste anche una versione a pagamento per iPad. Ovviamente se me le guardo sul monitor, o sull'ipad, non avrò comunque a disposizione tutti i livelli di grigio con cui sono state salvate, anche se le tecniche di windowing usate nei visualizzatori DICOM aiutano comunque ad esaminare dettagli altrimenti non visibili (ma persi nel JPEG). Ci sono visualizzatori free anche per Linux, e se proprio necessario, ci si può anche scaricare il multipiattaforma ImageJ, free e pubblico dominio, che legge  DICOM sia nativamente sia tramite plugin per i formati compressi. Ovviamente buona parte di questi visualizzatori fungono anche da convertitori per cui non c'è bisogno di crearne uno apposta come si propone Iaconesi (sempre tenendo presente che ciò che si converte sarà meno informativo del formato di partenza).

Perché tutte queste apparenti difficoltà? Sono immagini fatte per il medico, non, come le ecografie prenatali, come ricordino di un esame. E per fortuna sono in un formato standard anche se in Italia, diversamente da altri Paesi, non è obbligatorio.

Ci sarebbero altre cose da dire: per esempio, chiedersi che senso ha uscire volontariamente dall'ospedale per andare a mettere online dati che ad eventuali altri medici serviranno per chiedergli di fare gli ulteriori accertamenti che avrebbe fatto rimanendo in ospedale. Con una veloce ricerca, la diagnosi di glioma a basso grado peraltro sembra portare a scelte abbastanza standard in termini di trattamento. E non confonderei nemmeno il principio della condivisione dei dati delle ricerche (sempre citato nell'articolo di Wired - non commento là perché avevo commentato, sono rimasto in attesa di moderazione mentre comparivano commenti spam, e non sono mai stato approvato) con il principio della condivisione dei propri dati personali - sono cose nettamente ed ovviamente diverse.

| Sabato 15 Settembre 2012 at 11:04 am | | riCercare, vdm | Due commenti
Tag usati:

Alcuni chiarimenti sull'uso di ABILITANVUR

(UPDATE: c'è un post nuovo relativo alla nuova versione)

In aggiunta alla descrizione del programma ABILITANVUR, presentata in questo post, desidero chiarire un punto su cui non c'è modo algoritmico di fare chiarezza: cosa si intende per "pubblicazioni su rivista"?

Esistono articoli, review, editoriali, ma anche lettere, ed in certi settori atti di congresso pubblicati su rivista invece che su volume. Cosa dobbiamo contare?

Io ho chiesto un chiarimento all'ANVUR ma non ho avuto risposta. Pare però che altri abbiano chiesto e la risposta dovrebbe essere "tutto ciò che è su rivista e indicizzato". Il tutto però andrebbe incrociato con ciò che mettiamo sul sito personale del MIUR alla sezione "contributo su rivista". Lì è praticamente obbligatorio mettere anche gli atti di congresso pubblicati su rivista (o serie: per esempio LNCS, per gli informatici, che ha un ISSN ed è presente in Scopus), perché gli atti in volume non prevedono questa possibilità.

Di conseguenza ho modificato l'importazione del file di Scopus in modo da considerare tutto ciò che non è Conference Paper, ma anche questo è insoddisfacente, perché da un lato Scopus etichetta come Conference Paper atti usciti su rivista, dall'altro tra le mie pubblicazioni mi sono accorto che almeno una è su atti in volume ma indicizzata come Article. ISI ha una classificazione più grossolana, per cui quasi tutto è J. Per questa ragione tra parentesi, al primo indicatore, lascio il numero totale di pubblicazioni indicizzate: la verità sarà tra i due numeri, anche se uso il primo per attivare o meno il "verde".

Come indicazione generale, chi ha "verde" sulla fascia di interesse non dovrebbe avere problemi. Chi è sotto sul primo parametro ed ha differenze tra pubblicazioni totali e su rivista farebbe bene a guardare come vengono classificate, e magari farsi un file compatibile con quanto inserito sul sito personale. Questi ragionamenti non coinvolgono gli altri due parametri. In ogni caso l'ANVUR userà il massimo dei valori reperibili su ISI o Scopus, per cui stimando i parametri da un file proveniente da una sola delle due banche dati si possono sottostimare i parametri (anche se mi pare che Scopus sia più generosa, perlomeno per i settori che conosco).

Il tutto nell'attesa che il semaforo compaia sul sito personale, come promesso dall'ANVUR.

Preparare un file bibliografico.

Quando si esporta da ISI o Scopus si può scegliere cosa esportare, per cui chi può, si limiti a selezionare le proprie pubblicazioni e poi esportare (per evitare omonimi). Chi preferisce fare il lavoro a posteriori, o si prepara un file semplificato di tipo CSV, oppure dopo l'esportazione potrebbe cancellare le righe di troppo con un editor di testo. Si può anche importare in Excel, cancellare le righe e riesportare in formato CSV, ma purtroppo non sempre Excel interpreta la C di CSV come "comma", ed usa invece il punto e virgola. Meglio lavorare con OpenOffice, che garantisce una maggiore flessibilità.

| Giovedì 13 Settembre 2012 at 10:54 am | | riCercare, vdm | Dodici commenti

PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA GRADIVA-NEW YORK

STATE UNIVERSITY OF NEW YORK

PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA GRADIVA-NEW YORK

La rivista internazionale GRADIVA, congiuntamente con la IPA (Italian Poetry in America), bandisce la prima edizione del Premio di Poesia Gradiva – New York.
Al Premio si concorre con un’opera di poesia di autori italiani pubblicata in Italia nel periodo compreso tra il primo gennaio 2011 e il primo dicembre 2012.
Al vincitore, designato dalla Giuria, sarà assegnato un premio di $1000 (mille dollari), il rimborso delle spese di viaggio e un soggiorno di due giorni a New York. Una selezione del libro premiato verrà tradotta in inglese e pubblicata, per uso scolastico,  in un’edizione bilingue presso l’editrice Gradiva Publications.
Le Case Editrici o gli autori interessati devono far pervenire una copia del loro libro ENTRO IL 10 GENNAIO 2013 ai seguenti componenti della Giuria, con l’indicazione su ogni copia del proprio indirizzo, comprensivo di telefono e di posta elettronica:
Luigi Bonaffini, Dept. of Modern Languages, Brooklyn College, Brooklyn, New York 11210-2889, USA.  Alfredo de Palchi, Presidente Onorario, Chelsea Editions, PO Box 125, Cooper Station, New York, N.Y. 10276-0125, USA. Luigi Fontanella, Presidente della IPA, PO Box 831, Stony Brook, New York 11790, USA. Irene Marchegiani, 303 Mountain Ridge Drive, Mt. Sinai, New York 11766, USA. Sylvia Morandina, Managing Editor di Gradiva, Dept. of European Studies, SUNY, Stony Brook, New York 11794-5359, USA. Anthony J. Tamburri, J. D. Calandra Institute, 17th floor, 25 W.  43rd Street, New York, New York 10036, USA.
La Giuria selezionerà i cinque libri finalisti nel corso della sua prima consultazione collegiale, prevista durante l’ultima decade di aprile. Una seconda riunione, prevista entro il 15 maggio, determinerà il vincitore del Premio Gradiva – New York.
La cerimonia conclusiva avrà luogo nell’autunno 2013 presso l’Auditorium della State University of New York, Stony Brook, sede di Manhattan (401 Park Ave South) e sarà preventivamente comunicata al vincitore, che è tenuto a presenziare  alla cerimonia. In caso di mancata partecipazione si perde qualsiasi diritto. Non si ammettono deleghe. 
__________________________
PER INFORMAZIONI: Segreteria Premio Gradiva – New York, Ms. Sylvia Morandina Dept. of European Studies, SUNY, Stony Brook, N.Y. 11794-5359, USA. Tel. 001-631-6327448.  Email: gradivasunysb@gmail.com

| Mercoledì 05 Settembre 2012 at 10:20 pm | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati:

Uno strumento per calcolare i propri parametri ANVUR per l'abilitazione scientifica nazionale

Questa mattina era fredda e ventosa, e ne ho approfittato per mettere in piedi uno strumentino Web per calcolare automaticamente i tre parametri ANVUR per i settori bibliometrici, a partire da un file che contenga anno di pubblicazione, numero di citazioni della propria produzione scientifica, e tipo pubblicazione.

Il programma è qua: ABILITANVUR.

UPDATE 25/10/2012: c'è un post nuovo relativo alla nuova versione.

UPDATE 13/9/2012: ho allargato il filtro nell'interpretazione del tipo pubblicazione di Scopus, ed aggiunto un post di spiegazioni.

UPDATE 6/9/2012: grazie a S.Mizzaro, U. di Udine, ho corretto un bug sul verde relativo al numero di pubblicazioni: consideravo tutte e non solo quelle su rivista. Grazie a Salvatore invece ho cambiato arrotondamento, che sottostimava l'H index contemporaneo.

UPDATE 4/9/2012: può esserci qualche problema con ISI. Alcuni si risolvono salvando in UTF-8 (è tra le opzioni possibili, Win o Mac non fa differenza). Per gli altri ci sto pensando.

UPDATE v0.4: le due modifiche principali sono la possibilità di usare i file esportati da ISI, e il fatto che utilizzo il tipo pubblicazione per determinare gli articoli su rivista (primo parametro ANVUR).

UPDATE v0.2: grazie a Rino Galizia, U.Napoli, ho corretto alcuni erroretti nel calcolo dell'età accademica, del numero di pubblicazioni, del contemporary H index. Al momento però il primo parametro necessita ancora di aggiustamento: nel numero di pubblicazioni degli ultimi 10 anni considero tutte le pubblicazioni del file dal 2002, mentre bisognerebbe selezionare solo quelle su rivista (in certi settori i due numeri possono differire non di poco). Aggiungerò una terza colonna per indicare il tipo, nel frattempo è anche il parametro più facile da calcolare a mano...

 I tre parametri considerati dall'ANVUR come soglia per l'abilitazione scientifica nazionale sono: numero di pubblicazioni indicizzate nei database negli ultimi dieci anni (eventualmente normalizzate per età accademiche <10 anni), numero di citazioni totali normalizzate per età accademica, Contemporary H-index. Niente di difficilissimo da calcolare avendo a disposizione ISI o Scopus, ma almeno l'ultimo parametro comporta qualche conto. In particolare, chi passa di qua cercando come calcolare l'H-index, sappia che l'ANVUR non ha scelto l'H-index "liscio", ma il Contemporary H-index, che normalizza i valori in base all'età degli articoli.

Questo programma fa i conti necessari (inclusa l'età accademica) e confronta il risultato con le mediane aggiornate pubblicate dall'ANVUR, per il proprio gruppo disciplinare e per entrambi i concorsi: segnale verde o segnale rosso per chi ha o meno i requisiti.

L'input è costituito da un file che descrive le proprie pubblicazioni. Può essere di tre tipi:

  • il file ".CSV" prodotto con la funzione di export di Scopus (comma-separated values, citations only);
  • il file prodotto con l'esportazione di ISI: "more options" -> Records dal primo all'ultimo, togliere la spunta a Plus Abstracts, "Save to other Reference Software"->"Save to TAB-delimited UTF-8";
  • oppure un file ".CSV" contenente almeno 3 colonne: la prima con l'anno di pubblicazione, la seconda col numero di citazioni (con riga di intestazione), la terza con un'indicazione del fatto che la pubblicazione è su rivista. Basta un J, o altro: non conto le righe su cui non c'è niente, ma non uso il contenuto in altri modi (per il momento) (quindi: qualcosa per gli articoli su rivista, niente per il resto). Non c'è controllo degli errori: se un file è mal composto, l'esito non è affidabile.
  • Per facilitare la vita a chi ha provato finora, è anche possibile usare un file CSV con 2 colonne, senza il tipo pubblicazione; vengono semplicemente usate tutte (ma in questo modo si sovrastima il primo parametro).

Poichè l'ANVUR considera il massimo tra i dati presenti su ISI e su Scopus, probabilmente la soluzione ideale è costruirsi a mano il file CSV partendo da entrambe le banche dati (tutte le pubblicazioni possibili, e per ognuna il numero massimo di citazioni tra le due versioni). Ricordo che, perché vengano poi considerate per l'abilitazione, le stesse pubblicazioni devono essere presenti sul sito CINECA.

NB: registro i risultati dei calcoli e quando ce ne saranno abbastanza, pubblicherò qualche statistica. Non saranno di gran valore perchè chiunque può provare più e più volte con i file che preferisce.

NB2: ho fatto il possibile per implementare correttamente l'algoritmo, ma ovviamente non garantisco niente. Qui il post sul mio blog, dove lasciare commenti.

L'input è costituito dal file ".CSV" prodotto con la funzione di export di Scopus (comma-separated values, citations only), e contenente la lista delle proprie pubblicazioni, oppure un file ".CSV" contenente almeno due colonne: la prima con l'anno di pubblicazione, la seconda col numero di citazioni (con riga di intestazione). Non c'è controllo degli errori: se un file è mal composto, l'esito non è affidabile. È responsabilità di chi prepara il file assicurarsi che contenga solo le pubblicazioni su rivista: il programma non fa alcuna selezione. Per come trovare i dati, rimando al post che avevo fatto a suo tempo (e precedenti). Posso aggiungere che se da Scopus basta esportare, non ho ancora avuto tempo di capire come fare da ISI, per cui per test io mi sono semplicemente copiato a mano anno e numero citazioni dall'elenco che avevo già predisposto in ResearcherID - pochissimi minuti.

| Sabato 01 Settembre 2012 at 4:39 pm | | riCercare, vdm | 87 commenti

Sulla "particella di Dio", vent'anni fa

(S.Benni, da Terra!, Feltrinelli 1983)


LA STORIA DI PADRE MAPPLE
Vent'anni fa Leopold Mapple era il giovane scienziato piú brillante del nostro corso per studenti superdotati all'Istituto di Scienze di Londra. Era un ragazzone di cento chili, roseo e ben vestito. Lo si sarebbe potuto prendere per un ricco rampollo nullafacente: invece era lo scienziato piú importante nella ricerca sulla fisica subatomica. Ma era anche il piú inveterato gaudente, mangione, bevitore, tabagista, donnaiolo e cultore di ogni altra cosa dai piú chiamata vizio.
(..)
Proprio in quei mesi Mapple stava ultimando un esperimento straordinario: era riuscito a costruire una camera a bolle speciale dove era sicuro di scoprire la terza forza elementare, la forza che, diceva, sta all'origine di tutte, e non è né onda né particella, qualcosa di completamente diverso, e definitivo.
"Farò l'ultimo strip-tease alla cosiddetta materia," ci disse, troneggiando tra macerie di lattine di birre, a una festa organizzata la sera prima dell'esperimento. "E quello che resterà alla fine, sarà il principio: altroché Buddha e Javeh e Visnú e altri figuri metà uomo e metà cane e splendenti e resuscitanti e volanti e sibilanti su e giù per il cielo. Basta con il traffico aereo degli impostori! Quello che troveremo al termine del mio esperimento, sarà Dio, a tutti gli effetti di legge: ciò da cui tutto è composto, e creato, e causato: una particella, un'onda, una relazione. Non lancerà fulmini, nel suo nome nessun profeta sarà costretto a massacri, non avrà bisogno di travestirsi da toro di legno per scopare: sarà una formula, tutto li."
(...)
Fragoroso come sempre, Mapple arrivò all'Istituto per l'esperimento. "Bene," disse "ora prendiamo un bell'atomo grassotto e prendiamolo a cazzotti finché non gli cascano giù tutti gli elettrodentoni". Era questo un suo modo colorito di definire gli esperimenti subatomici. Un giovane tecnico si calò
nella grande camera a bolle, dentro la uale sarebbe avvenuto il bombardamento, fino all'ultima particella. Quella mattina Mapple era particolarmente euforico, e ben farcito di birra. Non si accorse che il tecnico si era sdraiato a terra per controllare la temperatura del suolo. Così lo chiuse senza accorgersene dentro la camera, e iniziò il bombardamento. L'esperimento durò otto giorni: per quel tempo, il reparto restò chiuso a tutti. Il nono giorno ecco arrivare Mapple in smoking, reduce dalla solita notte di baldoria. C'eravamo tutti con lui, mentre si avviava alla camera nucleare: “Ragazzi," egli gridava, facendo roteare il bastone d'avorio, "le nuvole di duemila anni di incensi religiosi stanno finalmente per dissolversi. Migliaia di preti invaderanno gli uffici di disoccupazione in tutto il mondo. Nessun bambino verrà mai piú atterrito da purgatori e inferni! Le marmellate in cima agli armadi verranno sterminate, senza paura di ritorsioni. Nelle chiese risuonerà, liberatorio, il tintinnio dei brindisi. Suore nude si concederanno a rabbini infoiati, ex-voto, ex-stole, ex-
messali, tiare, sottanoni e paramenti e ultime cene tutto brucerà, nello stesso fuoco in cui la chiesa ha bruciato i libri,  gli eretici, i villaggi degli infedeli. L'ultima crociata è giunta! L'umanità è salva! Cristo è disceso in terra, anzi è sempre stato li, e io ve lo mostrerò! La causa causarum, la sacra particula, il colui da cui, il primo motore, l'ordo initialis, l'uovo cosmico, il fabbro celeste, il danzatore eterno, l'occhio del Buddha, il kkien, il Wang-
wa, il primo bit, il supremo artefice! Presto a voi in tutto il suo scientifico splendore! Seguitemi!"
E noi lo seguimmo, eccitati, fin davanti alla porta sigillata della camera dell'esperimento, e trattenemmo il fiato insieme a lui, quando lui aprì la porta e vide... vide...

Vide il tecnico, con la barba lunga, e i capelli incolti, con il viso scavato da otto giorni di digiuno, e il camice bianco strappato, che alzava al cielo le mani bruciate dalle ustioni radioattive e gridava: "Sono qui! Sono io, Mapple, finalmente mi hai trovato!" Descrivere il viso di Mapple in quel momento, non mi è possibile: diventò bianco come marmo, gli occhi sembrarono uscirgli dalle orbite, ed egli lanciò un urlo, un urlo che fece tremare i vetri dell'Istituto, e i nostri cuori:
"Nooooooooo!"
Fuggì, travolgendo tutti. Nessuno di noi riuscì a raggiungerlo per spiegargli cosa era veramente successo. Sparì nel nulla e riapparve solo dopo molti giorni, la barba lunga, gli occhi rossi: capimmo subito che era uscito di senno.
"Mapple," cercammo di spiegargli, "quello che hai visto era solo il tecnico dell'Istituto, rimasto chiuso nella tua camera atomica per otto giorni!"
"No, amici," egli disse con voce ispirata, "era Dio! In fondo a ogni atomo, c'è Dio."
Due mesi dopo partì, con questa strana astronave, nello spazio. Da quel giorno egli vola per le galassie, portando la Religione ovunque, nelle stazioni spaziali, nei pianeti, nelle astronavi: non c'è culto o rito o confessione che egli non conosca e commerci. Così sia.

| Mercoledì 04 Luglio 2012 at 10:59 am | | doubleVie, letture, riCercare, succede, varia | Nessun commento

Letture di questi tempi

In questi tempi sarò, sono stato, o sarei dovuto essere e invece non sono stato a leggere nelle seguenti occasioni:

  • Inaugurazione della mostra "L'idea e la forma", 17 Giugno  alle ore 11.00 a Palazzo Conti Toppo Wassermann, Toppo di Travesio;
  • Residenze  Estive 2012: per Pierluigi Cappello, Tarcento, 23 giugno 2012 ore 2030;
  • Residenze Estive 2012, Duino, Collegio del Mondo Unito, 24 giugno 2012 ore 18;
  • Festival Internazionale Itinerante di Poesia, Most na Soči, Slovenia, 30 giugno 2012 ore 1930.

In più, nei giorni 28/6, 4/7, 11/7 alle ore 20 presso la trattoria Al posto di conversazione di Remanzacco c'è Al cortile il senso di un piccolo cielo, II edizione.

| Lunedì 25 Giugno 2012 at 2:56 pm | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati:

100 anni di Turing

Oracolo

La macchina universale di Turing

se opportunamente caricata

con una descrizione minuziosa

della mia vita, per definizione

potrebbe raccontarmi in anticipo

cosa farò da grande, se farò

qualcosa; però se inerte raggiungo

il limite del nastro illimitato,

allora la macchina altro non può

che osservarmi con le sue transizioni,

lentamente, di stato in stato,

mentre anch’io l’osservo. Facendo niente.

(Da Algoritmi, Lietocolle 2004)

| Sabato 23 Giugno 2012 at 07:58 am | | doubleVie, riCercare | Nessun commento
Tag usati: