Il fucile da caccia (I.Yasushi)

Quando ci troviamo per preparare le letture di Librarsi (a proposito, prossima puntata: mercoledi 18), portiamo diversi libri a testa e poi facciamo selezione. Capita che un libro non selezionato passi di mano in mano, e si fermi in mani diverse da quelle di partenza. Proprio questo è successo con Il fucile da caccia (Inoue Yasushi, Einaudi 2004), breve romanzo epistolare di un autore che non avevo nemmeno mai sentito nominare; questa è la sua opera prima, e risale al 1949.
Un'introduzione, e quattro lettere ad incastro, che presentano un evento da tre punti di vista. Il tema del libro è probabilmente il punto di vista mancante. Lingua: quel che nella mia ignoranza mi aspetto da uno scrittore giapponese.
Una lettura piacevole, di quelle adatte a interrompere, senza distrarmi troppo, la lettura del Tom Jones di Fielding.

Lunedì 16 Maggio 2005 at 10:29 am | | letture
Tag usati: ,

due commenti

davide l. malesi

Devo dire che a me è piaciuto assai, e non mi è sembrato neanche così ‘leggero’: ci ho trovato una bella pienezza di significati.

davide l. malesi, () (URL) - 16-05-’05 14:06
Vincenzo

Diciamo che il mio post è un po’ superficiale nella terminologia: però non è alternativo al tuo commento. “Piacevole”= mi è piaciuto; “senza distrarmi troppo” = “è così breve che posso tornare a Tom Jones senza smarrimenti. L’ho letto a causa di una parte dell’ultima lettera: quella sull’amare ed essere amati.

Vincenzo, (URL) - 16-05-’05 19:04
Emoticons

Questa domanda serve per prevenire commenti spam da parte di programmi (chiedo scusa per l'imbecillit della cosa).
 

Mantenere le informazioni personali?
Nascondi email
Note: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire link semplicemente scrivendo l'url o l'indirizzo di e-mail.