Un uomo senza patria (K.Vonnegut)

Kurt Vonnegut è uno dei miei romanzieri preferiti. La sua scrittura è apparentemente semplice; viene scambiato per scrittore di fantascienza perché nei suoi libri compare uno scrittore di fantascienza; ha una pietà ed una passione che trovo in pochi. Ho appena letto una sua raccolta di articoli apparsi su una rivista radicale (in senso statunitense): Un uomo senza patria (K.Vonnegut, Minimum Fax 2006). Negli articoli si ritrova il Vonnegut dei romanzi, sia come stile, che come umorismo, che come posizione politica. Senza patria infatti è perché non si riconosce nel comportamento dei suoi rappresentanti ufficiali. Vale la pena che lo legga anche chi non è un suo fan.

Domenica 30 Luglio 2006 at 8:42 pm | | letture | Due commenti
Tag usati:

Soffocare (C.Palahniuk)

Questo invece l'ho trovato in un autogrill, andando, sguarnito di libri, verso Praga: Soffocare (C.Palahniuk, Mondadori nell'edizione 2003).

Di Palahniuk avevo già letto Fight Club (nel blog vecchio), e non dopo avere visto il film, che non ho visto. Sentimenti simili anche in questa lettura (cioé: un po' rivoltante, ma molto interessante). In più questa volta ho provato una sensazione di "mestiere": si sente la necessità di stupire (per esempio nell'incipit), quella di mostrare il marchio di fabbrica schifiltoso (la scena della pulizia dei denti, per esempio). E ho sentito un po' frettolosa la conclusione. Però è un bel libro. Quanto propagandato dal risvolto di copertina, o nella recensiocina sentita tanto tempo fa a Dispenser (cioé: la storia che il protagonista si guadagna da vivere fingendo di rimanere soffocato nei ristoranti), è solo una parte del complesso, che offre molto di più.

Sabato 29 Luglio 2006 at 10:52 am | | letture | Nessun commento
Tag usati:

Coda lunga, oppure no

Un post su slashdot fa notare un dibattito in corso a proposito della coda lunga in economia. Il dettaglio è il seguente: Chris Anderson ha scritto un libro intitolato The long tail in cui evidenzia come la coda lunga stia cambiando il commercio, nel senso che non esistono più solo pochi grandi best-seller, ma tante nicchie (o meglio, che si sta tendendo a ciò). Questo in corrispondenza del passaggio da commercio off a on line, con magazzino potenzialmente infinito. Il giornalista del Wall Street Journal Lee Gomes non è d'accordo: secondo i suoi dati (che in parte sarebbero gli stessi di Anderson ma analizzati diversamente), il grosso delle vendite rimane legato a pochi campioni di incassi (libri su Amazon, musica si iTunes, etc), mentre una quota non indifferente della coda lunga non vende, cioé non è nemmeno coda; e rimprovera Anderson di non avere esempi precisi. Chris Anderson ribatte alle accuse qua. Io non saprei che idea farmi: le spiegazioni semplici però mi lasciano sempre qualche sospetto.

Giovedì 27 Luglio 2006 at 3:14 pm | | riCercare | Nessun commento
Tag usati: ,

Sostituzioni teatrali

Questa settimana ho, o meglio, avrei, un paio di occasioni di collaborazione con il Teatrino del Rifo (in spettacoli di cui è curatore Pierluigi Cappello). Lunedì (l'altro ieri) avrei dovuto partecipare a l'Orlando curioso come lettore delle introduzioni; pioveva, è rimandato al 7 agosto. Venerdì 28 luglio sono invece a Cervignano per la ripresa de I cercaluna, uno spettacolo di dieci anni fa con poesia, musica, pittura. Da quello spettacolo era nato un gruppo informale di artisti vari, che ha realizzato poi altre cosette interessanti. Info sul sito del Teatrino del Rifo.

Mercoledì 26 Luglio 2006 at 10:50 am | | doubleVie | Nessun commento

PoEcast: Poetico aggregatore

Ieri, causa clima inclemente (in entrambe le direzioni del barometro - prima caldo, poi una specie di brodo caduto dal cielo), ed a seguito di chiacchiere a distanza con Massimo Orgiazzi, ho creato un primo prototipo di aggregatore per i blog che si occupano di poesia. Si poteva fare diversamente; ogni utente avrebbe potuto costruirsi la selezione con un suo newsreader; amen, per varie ragioni e per il momento è andata così. Nei commenti a questo post accolgo proposte, commenti, critiche su PoEcast - aggregatore sperimentale di blog poetici.

Lunedì 24 Luglio 2006 at 2:47 pm | | evidenziatore, riCercare | Tredici commenti
Tag usati: ,

La linea della bellezza (A.Hollinghurst)

La linea della bellezza (A.Hollinghurst, Mondadori 2006) è un romanzo complesso. L'aggettivo serve per prendere tempo: è un romanzo politico, un romanzo di formazione, un omaggio a Henry James, un romanzo di genere gay, un mattone da cinquecento pagine, insomma, un bel miscuglio. Il romanzo è organizzato in tre parti: nella prima il protagonista (Nick), ospite in casa di un politico conservatore, vive un idillio amoroso e tutto sommato idilliaca è la sua condizione e quella di chi gli sta attorno. Nella seconda parte c'è la disillusione, che corrisponde al passaggio dall'amante della working class - inadatto a fornire la bellezza di cui Nick è insaziabile ricercatore - ad un ricchissimo compagno di studi, che però porta anche la cocaina tra le abitudini di coppia. Politicamente questa fase corrisponde al picco di popolarità della Thatcher (di cui però si percepisce l'effetto solo nell'alta borghesia e nobiltà londinese - la woking class quasi non esiste, e del resto immagino fosse così). Nella terza parte va tutto a catafascio, anche se in modo diverso per i vari personaggi. In particolare, c'è chi cade sempre in piedi: basta focalizzare l'attenzione sui problemi più banali per evitare che si osservino quelli importanti (il politico che ospita Nick, per esempio). Il personaggio Thatcher ricorda un altro politico che affascina molti dei nostri: compare pochissimo, ma è sempre nominata come Il Primo Ministro da voci quasi innamorate. La migliore definizione di Nick la dà probabilmente la domestica italiana: buono a nulla.

Leggendo questo romanzone, sono sempre rimasto in attesa di qualcosa di più, fino alla fine: non è arrivato. Non che mi sia annoiato. In compenso ho pensato a: Henry James, Bret Easton Ellis, Jonathan Coe, Michel Faber.

Mercoledì 19 Luglio 2006 at 2:54 pm | | letture | Cinque commenti
Tag usati:

L'esistenza di dio (R.Montanari)

... invece poi al ritorno ho trovato L'esistenza di dio (R.Montanari, Baldini Castolfi Dalai 2006). Non avevo mai letto niente di Montanari; questo libro mi è piaciuto. Questa mattina ho dovuto finire le poche pagine che mi mancavano altrimenti sarei rimasto con del nervosismo fino a sera (si fa leggere). C'è il male che capita quasi per caso; il male che rovina anche chi non pare esserci portato. Un ex detenuto rientra in quella che dovrebbe essere la vita normale, ma qualcosa si è corrotto (sia in lui che negli altri). Scrittura veloce, molto piacevole; un unico momento in cui sono stato preso da ilarità; appena un po' troppa violenza nel protagonista (nel senso che sentivo una nota stonata). Non mi è piaciuta granché la fine, ma ultimamente mi capita.

Domenica 09 Luglio 2006 at 4:54 pm | | letture | Un commento
Tag usati:

Rumble Tumble (J.R.Lansdale)

Per la prima volta sono partito per un viaggio impreparato dal punto di vista delle letture, ed è stata la volta che, causa cancellamenti e ritardi, ho avuto un sacco di tempo più del solito. Così ho dovuto cercare in aeroporto qualcosa da leggere, e tra la Agnello Hornby e Moccia ho trovato Rumble Tumble (J.R.Lansdale, Einaudi 2004). Di Lansdale avevo letto un racconto tra il divertente ed il tristissimo (La bambola gonfiabile), che mi era piaciuto ma non così tanto da cercarmi un intero suo libro. Questa lettura è stata altrettanto divertente: un incrocio tra un noir ed un western, scritto da qualcuno che se fosse di queste parti potrebbe anche avere visto i film di Bud Spencer e Terence Hill (con qualche damigiana di sangue in più). Ho poi capito che c'è un'intera saga avente come protagonisti il bianco democratico ed il nero gay repubblicano che spaccano ossa in questo libro. Forse ne leggerò altri, quando mi viene voglia di Wodehouse (non che si equivalgano, ma a volte uno vuole ridere).

Domenica 09 Luglio 2006 at 08:56 am | | letture | Tre commenti
Tag usati:

Il mago dei numeri (H.M.Enzensberger)

Era da un po' che mi riproponevo di leggere Il mago dei numeri (H.M.Enzensberger, Einaudi 1998 e 2005); l'ho visto nella nuova edizione Einaudi, così me lo sono comprato (tanto per vedere come va la divulgazione della matematica). Probabilmente sono fuori target per età e formazione, ma non mi è piaciuto granché. Il bambino ogni notte si sogna il mago dei numeri, che gli fa nè più né meno delle lezioni di aritmetica (in ambiente psichedelico, forse cena pesante?). Se certe trovate sono tutto sommato simpatiche, il personaggio del mago dei numeri è un po' fastidioso e non si allontana troppo dal maestro di matematica sbeffeggiato dal ragazzino Roberto. I "numeri" sono quasi solo i naturali (con qualche puntata nei razionali). L'ho letto tutto, comunque.

Lunedì 03 Luglio 2006 at 10:31 pm | | letture | Due commenti

Residenze Estive 2006 - il programma completo

L’Associazione culturale e la Rivista “Almanacco del Ramo d’Oro”, in collaborazione con il Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico, presentano:

RESIDENZE ESTIVE 2006
Incontri di poesia e scrittura a Trieste e nel Friuli Venezia Giulia

Settima edizione 20-23 luglio 2006
a cura di Gabriella Musetti

20 luglio h. 20.15 Trieste Terrazza mare degli Stabilimenti Balneari Ausonia
Riva Traiana, 1
Letture di poesia di Roberto Marino Masini (Gorizia), Ivan Crico (Monfalcone), Pier Luigi Cappello (Udine), Valentino Zeichen (Roma), Claudio Grisancich (Trieste).
Improvvisazioni di Piero Purini e Aleksander Ipavec

21 luglio h. 19.00
S. Giovanni al Natisone Villa de Brandis
Presentazione della collana Poesia, edizioni ETS Pisa a cura di Alessandro Agostinelli
Lettura di poesia di Guido Oldani (Milano), Tomislav Vrecar (Slovenia), Anna Toscano (Venezia), Gian Mario Villalta (Pordenone), Pier Luigi Cappello (Udine).
Performance di Rapsodi Gruppo Fonografico (Firenze): Luca Bombardieri, Tommaso Pippucci, Duccio Ancillotti

22 luglio h. 9.30 - 16.00 Duino - Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico
Residenza Villa Lucchese
Convegno sulla poesia a tema: Le lingue della poesia
Incontro di Riviste, Associazioni, Critici, Autori, Autrici, Appassionati (comunicazione a parte)
h. 16:30 presentazione del Gruppo di poesia Cagipota
in collaborazione con Associazione AltaMarea – Trieste

h. 20.30 Gorizia Sala dei Musei Provinciali - Borgo del Castello
in collaborazione con Associazione Sottomondo – Gorizia
Letture di poesia di Alessandro Agostinelli ( Pisa), Fabian Hefner (Austria), Rossana Roberti (Modena), Dubravka Djuric (Serbia), ), Lello Voce (Roma).
h. 22.00 Gorizia Vineria L’Alchimista: Versi divini – letture a scelta

23 luglio h. 20.00 Trieste Giardino di Androna degli Orti
in collaborazione con Associazione Luna e l'Altra e Progetto Donna SM- Trieste
Dedica a Carolus Cergoly
lettura di testi dal libro: Ponterosso, Il Ramo d’Oro Editore, Trieste
in collaborazione con Associazione La macchina del testo - Triestevoci di Mauro Tancovich, Elena Zagaglia

Presentazione dell’antologia Donne di parola a cura di Alina Rizzi, ed Traven Book, Laives (BZ).Letture di poesia di Alina Rizzi (Como), Marijana Sutic (Croazia), Alexandra Petrova (Russia), Maria Grazia Calandrone (Roma).Con il contributo dell’Assessorato alla Cultura, Istruzione, Sport e Pace della Regione FVG

A seguire, il programma completo del convegno di sabato 22 luglio.

(leggi il resto)

Domenica 02 Luglio 2006 at 9:11 pm | | succede | Nessun commento
Tag usati: