Sabato (I. McEwan)

In questi giorni di semilibertà mi sono letto pure Sabato (Ian McEwan, Einaudi 2005). Io sono (sono stato?) un suo affezionato lettore fin dal fulminante Giardino di cemento, ma inizio ad allontanarmi. Gli ultimi 4 libri sono piacevoli da leggere, sono interessanti per il dilemma morale attorno cui, sempre, si fondano, ma... non so, mi sembra di leggere sempre lo stesso libro. Sabato è la giornata (un po' particolare) di un neurochirurgo; ad occhio, direi 24 ore quasi precise (del resto, precisione è la cifra di McEwan). E' anche la giornata di una grande manifestazione contro la guerra a Londra, dove è ambientato il romanzo. Tra la guerra a Saddam e gli incidenti della giornata del neurochirurgo c'è un parallelo, anche se la fine è diversa. La partita a squash con l'amico anestesista è una riproduzione in scala di Amsterdam. Il coprotagonista è almeno parente del coprotagonista de L'amore fatale. Il protagonista compie un atto moralmente equivoco come succede in Espiazione (non altrettanto dannoso, peraltro). A mettere in fila queste osservazioni mi sembra quasi più bello di quel che è stato leggendo...
Giovedì 05 Gennaio 2006 at 10:19 am | | letture

Nessun commento

Emoticons

Questa domanda serve per prevenire commenti spam da parte di programmi (chiedo scusa per l'imbecillit della cosa).
 

Mantenere le informazioni personali?
Nascondi email
Note: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire link semplicemente scrivendo l'url o l'indirizzo di e-mail.