Tutto il mondo ha voglia di ballare (A.Garlini)

Ho appena finito il nuovo romanzo di Alberto Garlini: Tutto il mondo ha voglia di ballare (Mondadori, 2007). E' ambientato negli anni '80, ed annovera tra i personaggi uno scrittore che degli anni '80 ha scritto molto: Pier Vittorio Tondelli. E' principalmente la storia di due amici che poi diventano tre con l'aggiunta della ragazza di uno dei due. E' anche la storia di quel mix di leggerezza e buio che sono stati gli anni '80.

Alberto Garlini ha un passato da poeta, anche se si è allontanato dalla poesia (per vedere cosa ne pensa, suggerisco di leggere il suo contributo all'antologia I colôrs da lis vôs). Però traccia (abbondante) del suo passato rimane anche nella sua prosa, piuttosto ricca e curata -molto poetica (anche se apprezzo il genere, a momenti la lettura mi è parsa un po' frenata proprio dal fraseggio ricco, mi verrebbe da dire poco anni '80). Rispetto al libro precedente, secondo me la scrittura è maturata; l'impianto era più ambizioso in Futbol Bailado (Pasolini, Resistenza, Porzus, servizi deviati...), ma sarebbe stato poco replicabile senza rifarsi.

Martedì 01 Maggio 2007 at 10:28 pm | | letture

Nessun commento

Emoticons

Questa domanda serve per prevenire commenti spam da parte di programmi (chiedo scusa per l'imbecillit della cosa).
 

Mantenere le informazioni personali?
Nascondi email
Note: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire link semplicemente scrivendo l'url o l'indirizzo di e-mail.