Storie Naturali - Raffaelli Editore, 2016

Dopo lunga gestazione, è finalmente pubblico il mio Storie naturali (poesie 1992-2015), edito da Raffaelli in Rimini, con postfazione di Mary B.Tolusso. Un'anticipazione dei contenuti l'ha fatta Alessandro Canzian sul suo blog

Ne leggerò estratti durante Residenze Estive , il 22 giugno alle ore 18 presso il sito archeologico di San Giovanni in Tuba di Duino, e poi presso l'osteria Stazione di Chiusaforte il 12 agosto alle 2030.

| Martedì 21 Giugno 2016 at 11:14 am | | doubleVie, succede | Nessun commento

L'infanzia di Gödel e altri algoritmi

Computer, reti, programmazione, i loro fondamenti teorici, Gödel, Turing, Chomsky: temi e personaggi che, in versi, diventano scuse per parlare di ciò che di solito si trova nella poesia. E la poesia diventa una scusa per parlare di come è nata e di come funziona l'informatica, a partire dalle poesie di Algoritmi.

Mercoledì 14 novembre 2012, ore 15, Educafè - Campus Leonardo - Piazza Leonardo da Vinci 32, Milano

La lettura/seminario si tiene nell'ambito dei seminari di EffeDiEsse del Politecnico di Milano.

| Venerdì 09 Novembre 2012 at 07:54 am | | doubleVie, riCercare, vdm | Un commento
Tag usati: ,

PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA GRADIVA-NEW YORK

STATE UNIVERSITY OF NEW YORK

PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA GRADIVA-NEW YORK

La rivista internazionale GRADIVA, congiuntamente con la IPA (Italian Poetry in America), bandisce la prima edizione del Premio di Poesia Gradiva – New York.
Al Premio si concorre con un’opera di poesia di autori italiani pubblicata in Italia nel periodo compreso tra il primo gennaio 2011 e il primo dicembre 2012.
Al vincitore, designato dalla Giuria, sarà assegnato un premio di $1000 (mille dollari), il rimborso delle spese di viaggio e un soggiorno di due giorni a New York. Una selezione del libro premiato verrà tradotta in inglese e pubblicata, per uso scolastico,  in un’edizione bilingue presso l’editrice Gradiva Publications.
Le Case Editrici o gli autori interessati devono far pervenire una copia del loro libro ENTRO IL 10 GENNAIO 2013 ai seguenti componenti della Giuria, con l’indicazione su ogni copia del proprio indirizzo, comprensivo di telefono e di posta elettronica:
Luigi Bonaffini, Dept. of Modern Languages, Brooklyn College, Brooklyn, New York 11210-2889, USA.  Alfredo de Palchi, Presidente Onorario, Chelsea Editions, PO Box 125, Cooper Station, New York, N.Y. 10276-0125, USA. Luigi Fontanella, Presidente della IPA, PO Box 831, Stony Brook, New York 11790, USA. Irene Marchegiani, 303 Mountain Ridge Drive, Mt. Sinai, New York 11766, USA. Sylvia Morandina, Managing Editor di Gradiva, Dept. of European Studies, SUNY, Stony Brook, New York 11794-5359, USA. Anthony J. Tamburri, J. D. Calandra Institute, 17th floor, 25 W.  43rd Street, New York, New York 10036, USA.
La Giuria selezionerà i cinque libri finalisti nel corso della sua prima consultazione collegiale, prevista durante l’ultima decade di aprile. Una seconda riunione, prevista entro il 15 maggio, determinerà il vincitore del Premio Gradiva – New York.
La cerimonia conclusiva avrà luogo nell’autunno 2013 presso l’Auditorium della State University of New York, Stony Brook, sede di Manhattan (401 Park Ave South) e sarà preventivamente comunicata al vincitore, che è tenuto a presenziare  alla cerimonia. In caso di mancata partecipazione si perde qualsiasi diritto. Non si ammettono deleghe. 
__________________________
PER INFORMAZIONI: Segreteria Premio Gradiva – New York, Ms. Sylvia Morandina Dept. of European Studies, SUNY, Stony Brook, N.Y. 11794-5359, USA. Tel. 001-631-6327448.  Email: gradivasunysb@gmail.com

| Mercoledì 05 Settembre 2012 at 10:20 pm | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati:

Sulla "particella di Dio", vent'anni fa

(S.Benni, da Terra!, Feltrinelli 1983)


LA STORIA DI PADRE MAPPLE
Vent'anni fa Leopold Mapple era il giovane scienziato piú brillante del nostro corso per studenti superdotati all'Istituto di Scienze di Londra. Era un ragazzone di cento chili, roseo e ben vestito. Lo si sarebbe potuto prendere per un ricco rampollo nullafacente: invece era lo scienziato piú importante nella ricerca sulla fisica subatomica. Ma era anche il piú inveterato gaudente, mangione, bevitore, tabagista, donnaiolo e cultore di ogni altra cosa dai piú chiamata vizio.
(..)
Proprio in quei mesi Mapple stava ultimando un esperimento straordinario: era riuscito a costruire una camera a bolle speciale dove era sicuro di scoprire la terza forza elementare, la forza che, diceva, sta all'origine di tutte, e non è né onda né particella, qualcosa di completamente diverso, e definitivo.
"Farò l'ultimo strip-tease alla cosiddetta materia," ci disse, troneggiando tra macerie di lattine di birre, a una festa organizzata la sera prima dell'esperimento. "E quello che resterà alla fine, sarà il principio: altroché Buddha e Javeh e Visnú e altri figuri metà uomo e metà cane e splendenti e resuscitanti e volanti e sibilanti su e giù per il cielo. Basta con il traffico aereo degli impostori! Quello che troveremo al termine del mio esperimento, sarà Dio, a tutti gli effetti di legge: ciò da cui tutto è composto, e creato, e causato: una particella, un'onda, una relazione. Non lancerà fulmini, nel suo nome nessun profeta sarà costretto a massacri, non avrà bisogno di travestirsi da toro di legno per scopare: sarà una formula, tutto li."
(...)
Fragoroso come sempre, Mapple arrivò all'Istituto per l'esperimento. "Bene," disse "ora prendiamo un bell'atomo grassotto e prendiamolo a cazzotti finché non gli cascano giù tutti gli elettrodentoni". Era questo un suo modo colorito di definire gli esperimenti subatomici. Un giovane tecnico si calò
nella grande camera a bolle, dentro la uale sarebbe avvenuto il bombardamento, fino all'ultima particella. Quella mattina Mapple era particolarmente euforico, e ben farcito di birra. Non si accorse che il tecnico si era sdraiato a terra per controllare la temperatura del suolo. Così lo chiuse senza accorgersene dentro la camera, e iniziò il bombardamento. L'esperimento durò otto giorni: per quel tempo, il reparto restò chiuso a tutti. Il nono giorno ecco arrivare Mapple in smoking, reduce dalla solita notte di baldoria. C'eravamo tutti con lui, mentre si avviava alla camera nucleare: “Ragazzi," egli gridava, facendo roteare il bastone d'avorio, "le nuvole di duemila anni di incensi religiosi stanno finalmente per dissolversi. Migliaia di preti invaderanno gli uffici di disoccupazione in tutto il mondo. Nessun bambino verrà mai piú atterrito da purgatori e inferni! Le marmellate in cima agli armadi verranno sterminate, senza paura di ritorsioni. Nelle chiese risuonerà, liberatorio, il tintinnio dei brindisi. Suore nude si concederanno a rabbini infoiati, ex-voto, ex-stole, ex-
messali, tiare, sottanoni e paramenti e ultime cene tutto brucerà, nello stesso fuoco in cui la chiesa ha bruciato i libri,  gli eretici, i villaggi degli infedeli. L'ultima crociata è giunta! L'umanità è salva! Cristo è disceso in terra, anzi è sempre stato li, e io ve lo mostrerò! La causa causarum, la sacra particula, il colui da cui, il primo motore, l'ordo initialis, l'uovo cosmico, il fabbro celeste, il danzatore eterno, l'occhio del Buddha, il kkien, il Wang-
wa, il primo bit, il supremo artefice! Presto a voi in tutto il suo scientifico splendore! Seguitemi!"
E noi lo seguimmo, eccitati, fin davanti alla porta sigillata della camera dell'esperimento, e trattenemmo il fiato insieme a lui, quando lui aprì la porta e vide... vide...

Vide il tecnico, con la barba lunga, e i capelli incolti, con il viso scavato da otto giorni di digiuno, e il camice bianco strappato, che alzava al cielo le mani bruciate dalle ustioni radioattive e gridava: "Sono qui! Sono io, Mapple, finalmente mi hai trovato!" Descrivere il viso di Mapple in quel momento, non mi è possibile: diventò bianco come marmo, gli occhi sembrarono uscirgli dalle orbite, ed egli lanciò un urlo, un urlo che fece tremare i vetri dell'Istituto, e i nostri cuori:
"Nooooooooo!"
Fuggì, travolgendo tutti. Nessuno di noi riuscì a raggiungerlo per spiegargli cosa era veramente successo. Sparì nel nulla e riapparve solo dopo molti giorni, la barba lunga, gli occhi rossi: capimmo subito che era uscito di senno.
"Mapple," cercammo di spiegargli, "quello che hai visto era solo il tecnico dell'Istituto, rimasto chiuso nella tua camera atomica per otto giorni!"
"No, amici," egli disse con voce ispirata, "era Dio! In fondo a ogni atomo, c'è Dio."
Due mesi dopo partì, con questa strana astronave, nello spazio. Da quel giorno egli vola per le galassie, portando la Religione ovunque, nelle stazioni spaziali, nei pianeti, nelle astronavi: non c'è culto o rito o confessione che egli non conosca e commerci. Così sia.

| Mercoledì 04 Luglio 2012 at 10:59 am | | doubleVie, letture, riCercare, succede, varia | Nessun commento

Letture di questi tempi

In questi tempi sarò, sono stato, o sarei dovuto essere e invece non sono stato a leggere nelle seguenti occasioni:

  • Inaugurazione della mostra "L'idea e la forma", 17 Giugno  alle ore 11.00 a Palazzo Conti Toppo Wassermann, Toppo di Travesio;
  • Residenze  Estive 2012: per Pierluigi Cappello, Tarcento, 23 giugno 2012 ore 2030;
  • Residenze Estive 2012, Duino, Collegio del Mondo Unito, 24 giugno 2012 ore 18;
  • Festival Internazionale Itinerante di Poesia, Most na Soči, Slovenia, 30 giugno 2012 ore 1930.

In più, nei giorni 28/6, 4/7, 11/7 alle ore 20 presso la trattoria Al posto di conversazione di Remanzacco c'è Al cortile il senso di un piccolo cielo, II edizione.

| Lunedì 25 Giugno 2012 at 2:56 pm | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati:

100 anni di Turing

Oracolo

La macchina universale di Turing

se opportunamente caricata

con una descrizione minuziosa

della mia vita, per definizione

potrebbe raccontarmi in anticipo

cosa farò da grande, se farò

qualcosa; però se inerte raggiungo

il limite del nastro illimitato,

allora la macchina altro non può

che osservarmi con le sue transizioni,

lentamente, di stato in stato,

mentre anch’io l’osservo. Facendo niente.

(Da Algoritmi, Lietocolle 2004)

| Sabato 23 Giugno 2012 at 07:58 am | | doubleVie, riCercare | Nessun commento
Tag usati:

Matematica e Cultura 2012: il mio libro più un link

Per chi fosse interessato, il mio libro Algoritmi si può reperire direttamente dall'editore Lietocolle, oppure anche su IBS (ed immagino altri negozi online). L'infanzia di Goedel invece è esaurito da tempo.

Il video della Macchina di Turing è reperibile su Youtube.

| Domenica 01 Aprile 2012 at 3:34 pm | | doubleVie, vdm | Nessun commento
Tag usati: ,

Questa sera: Mattiuzza a Remanzacco

Questa sera alle ore 20.45 presso la Biblioteca Comunale di Remanzacco, ci sarà la presentazione del libro di M.Mattiuzza "il derby della luna". La presentazione è l'ultima del programma invernale della Commissione Biblioteca. 

3 racconti di straordinaria intensità emotiva, onirici e al tempo stesso di quella concretezza che hanno le delusioni,quando investono una creatura e ne segnano il destino. (Mario Brandolin, Messaggero Veneto)

| Giovedì 22 Marzo 2012 at 1:26 pm | | doubleVie, succede | Nessun commento
Tag usati:

I blog di Poecast che si sono trasferiti da Splinder: dove siete?

Buongiorno a tutti,

sto rimettendo mano alla lista dei blog aggregati da Poecast. Numerosi erano ospitati da Splinder; alcuni mi hanno detto dove sono approdati e li ho aggiornati. Pian pianino conterei di farlo per tutti quelli che sopravvivono al passaggio. Ditemi dove siete così vi aggiorno. E se nel mentre avete suggerimenti su chi aggiungere, vi ricordo che la politica di Poecast è che chi è già dentro può proporre nuovi blog.

| Domenica 05 Febbraio 2012 at 10:50 am | | doubleVie | Tre commenti
Tag usati: , ,

Wislawa Szymborska (1923-2012)

Sulla morte senza esagerare

Non si intende di scherzi,
stelle, ponti,
tessitura, miniere, lavoro dei campi,
costruzione di navi e cottura di dolci.
 
Quando conversiamo del domani
intromette la sua ultima parola
a sproposito. Non sa fare neppure ciò
che attiene al suo mestiere:
né scavare una fossa,
né mettere insieme una bara
né rassettare il disordine che lascia.
 
Occupata a uccidere,
lo fa in modo maldestro,
senza metodo né abilità.
Come se con ognuno di noi stesse imparando.
 
Vada per i trionfi,
ma quante disfatte,
colpi a vuoto
e tentativi ripetuti da capo!
 
A volte le manca la forza
di far cadere una mosca in volo.
Più d’un brucola batte in velocità.
Tutti quei bulbi, baccelli,
antenne, pinne, trachee,
piumaggi nuziali e pelame invernale
testimoniano i ritardi
nel suo gravoso lavoro.
 
La cattiva volontà non basta
e anche il nostro aiuto con guerre e rivoluzioni
è, almeno finora, insufficiente.

I cuori battono nelle uova.
Crescono gli scheletri dei neonati.
Dai semi spuntano le prime due foglioline,
e spesso anche grandi alberi all’orizzonte.

Chi ne afferma l’onnipotenza,
egli stesso è la prova vivente
che essa onnipotente non è.

Non c’è vita
che almeno per un attimo
non sia stata immortale.

La morte
è sempre in ritardo di quell’attimo.
Invano scuote la maniglia
d’una porta invisibile.
A nessuno può sottrarre
il tempo raggiunto.

| Mercoledì 01 Febbraio 2012 at 10:36 pm | | doubleVie, succede | Nessun commento
Tag usati: ,

La Legge Bacchelli a Pierluigi Cappello

E' finalmente cominciato un movimento trasversale per richiedere l'assegnazione dei benefici della Legge Bacchelli a Pierluigi Cappello. Maggiori informazioni in questo articolo del Messaggero Veneto, in questo appello di Gian Mario Villalta sul  Gazzettino, e per gli utenti di Facebook c'è un gruppo apposito cui aderire.

| Lunedì 19 Dicembre 2011 at 4:37 pm | | doubleVie | Un commento
Tag usati: , ,

Anche Zanzotto

Così siamo
 
Dicevano, a Padova, "anch'io"
gli amici "l'ho conosciuto".
E c'era il romorio d'un acqua sporca
prossima, e d'una sporca fabbrica:
stupende nel silenzio.
Perché era notte. "Anch'io
l'ho conosciuto".
Vitalmente ho pensato
a te che ora
non sei né soggetto né oggetto
né lingua usuale né gergo
né quiete né movimento
neppure il né che negava
e che per quanto s'affondino
gli occhi miei dentro la sua cruna
mai ti nega abbastanza.
 
E così sia: ma io
credo con altrettanta
forza in tutto il mio nulla,
perciò non ti ho perduto
o, più ti perdo e più ti perdi,
più mi sei simile, più m'avvicini.
 
(A. Zanzotto, 1921-2011)

| Martedì 18 Ottobre 2011 at 12:37 pm | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati: ,

Cose che si imparano a PordenoneLegge: Maarja Kangro

Maarja Kangro è una scrittrice estone del 1973, che scrive poesia, teatro, letteratura per l'infanzia, e traduce anche i poeti italiani, a partire da Zanzotto. E' ospite di PordenoneLegge; io l'ho sentita ieri sera con piacere, sarà di nuovo questa sera sotto la loggia del municipio alle ore 21.In italiano si trova la plaquette "La farfalla dell'irreversibilità", editore Gattomerlino, 2011, da cui è tratta la poesia che segue.

La farfalla dell'irreversibilità

“ancora” è una grande parola
lentamente e velocemente
ancora

ancora una volta gli uomini alla radio
si complimentano di essere sulla strada giusta
e discutono della ciclicità del tempo

la strada giusta gira intorno, anch’io
riconosco la pelle giovane sulla spiaggia
e l’altoparlante canta "et si tu n’existais pas"

gli uomini alla radio parlano di come tutto è
legato con tutto, uno dice con voce sonora: “l’effetto farfalla”
io dispiego le ali

il tempo ciclico favorisce il buon sonno
un sonno da cui crediamo di risvegliarci
e ancora

sbatto le ali
i brav’uomini alla radio iniziano a tossire
le sbatto più forte e si alza il vento

gli uomini tossiscono ansimando, l’etere si ribella
le navi e i bagnanti annegano, l’ultimo sogno
sarà grigio e tempestoso

pensiamo alla parola che non c’era prima
c’è stata ora
e adesso non c’è più

| Sabato 17 Settembre 2011 at 12:40 pm | | doubleVie | Nessun commento

Poesia e vino a Remanzacco: terza serata

La Commissione Biblioteca del Comune di Remanzacco ha ripreso le sue attività e come prima iniziativa si affianca all'Associazione ArteMente e all'enoteca con cucina "Al posto di conversazione" per organizzare tre serate in cui la poesia si accompagnerà alla degustazione di buon vino, all'aperto, nel giardino del locale. La rassegna si intitola "... Al cortile il senso di un piccolo cielo", da un verso di Francesco Tomada.

Domani sera (mercoledì 29 giugno 2011, ultima serata) è la volta di Federica Sansevero, che propone una performance teatrale intitolata "Verso Dioniso e Diona", di cui è autrice ed interprete. Sarà accompagnata dai vini dell'azienda "Graziano Mosolo"

L'ingresso è libero e gratuito. Clicca qui per scaricare la locandina completa.

| Martedì 28 Giugno 2011 at 5:15 pm | | doubleVie, succede | Nessun commento
Tag usati: , , ,

... al cortile il senso di un piccolo cielo: seconda serata

La Commissione Biblioteca del Comune di Remanzacco ha ripreso le sue attività e come prima iniziativa si affianca all'Associazione ArteMente e all'enoteca con cucina "Al posto di conversazione" per organizzare tre serate in cui la poesia si accompagnerà alla degustazione di buon vino, all'aperto, nel giardino del locale.

Dopo la bella prima serata, questa sera (martedì 21 giugno 2011) è la volta delle poetesse Erika Crosara ed Antonella Sbuelz, accompagnate dai vini dell'azienda "Casa delle rose"

L'ingresso è libero e gratuito. Clicca qui per scaricare la locandina completa.

| Martedì 21 Giugno 2011 at 09:55 am | | doubleVie, succede | Nessun commento
Tag usati: ,

Poesia e vino a Remanzacco

La Commissione Biblioteca del Comune di Remanzacco ha ripreso le sue attività e come prima iniziativa si affianca all'Associazione ArteMente e all'enoteca con cucina "Al posto di conversazione" per organizzare tre serate in cui la poesia si accompagnerà alla degustazione di buon vino, all'aperto, nel giardino del locale:

Al cortile il senso / di un piccolo cielo

Poesia e vino sotto le stelle

  • 13 giugno 2011, ore 21: letture dei poeti Giovanni Fierro e Francesco Tomada, con degustazione a cura dell'azienda vinicola "Il borgo dei sapori";
  • 21 giugno 2011, ore 21: letture della poetessa Erika Crosara e della narratrice e poetessa Antonella Sbuelz, con degustazione a cura dell'azienda vinicola "Casa delle rose";
  • 29 giugno 2011, ore 21: "Verso Dioniso e Diona" performance di e con Federica Sansevero, con degustazione a cura dell'azienda vinicola Graziano Mosolo.

 L'ingresso è libero e gratuito. Clicca qui per scaricare la locandina completa.

| Giovedì 09 Giugno 2011 at 8:36 pm | | doubleVie, succede | Nessun commento
Tag usati: , ,

Giovanni Giudici (1924-2011)

C'è tanta vita e tanta morte nelle poesie di Giovanni Giudici. Scelgo questa da O Beatrice: uno dei suoi sogni ironici e crudeli.

Descrizione della mia morte

Poiché era ormai una questione di ore
Ed era nuova legge che la morte non desse ingombro,
Era arrivato l’avviso di presentarmi
Al luogo direttamente dove mi avrebbero interrato.
L’avvenimento era importante ma non grave.
Così che fu mia moglie a dirmi lei stessa: prepàrati.

Ero il bambino che si accompagna dal dentista
E che si esorta: sii uomo, non è niente.
Perciò conforme al modello mi apparecchiai virilmente,
Con un vestito decente, lo sguardo atteggiato a sereno,
Appena un po’ deglutendo nel domandare: c’è altro?
Ero io come sono ma un po’ più grigio un po’ più alto.

Andammo a piedi sul posto che non era
Quello che normalmente penso che dovrà essere,
Ma nel paese vicino al mio paese
Su due terrazze di costa guardanti a ponente.
C’era un bel sole non caldo, poca gente,
L’ufficio di una signora che sembrava già aspettarmi.

Ci fece accomodare, sorrise un po’ burocratica,
Disse: prego di là – dove la cassa era pronta,
Deposta a terra su un fianco, di sontuosissimo legno,
E nel suo vano in penombra io misurai la mia altezza.
Pensai per un legno così chi mai l’avrebbe pagato,
Forse in segno di stima la mia Città o lo Stato.

Di quel legno rossiccio era anche l’apparecchio
Da incorporarsi alla cassa che avrebbe dovuto finirmi.
Sarà meno d’un attimo – mi assicurò la signora.
Mia moglie stava attenta come chi fa un acquisto.
Era una specie di garrota o altro patibolo.
Mi avrebbe rotto il collo sul crac della chiusura.

Sapevo che ero obbligato a non avere paura.
E allora dopo il prezzo trovai la scusa dei capelli
Domandando se mi avrebbero rasato
Come uno che vidi operato inutilmente.
La donna scosse la testa: non sarà niente,
Non è un problema, non faccia il bambino.

Forse perché piangevo. Ma a quel punto dissi: basta,
Paghi chi deve, io chiedo scusa del disturbo.
Uscii dal luogo e ridiscesi nella strada,
Che importa anche se era questione solo di ore.
C’era un bel sole, volevo vivere la mia morte.
Morire la mia vita non era naturale.

| Mercoledì 25 Maggio 2011 at 08:40 am | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati: ,

Festival Internazionale Itinerante di Poesia

“Camminando camminando”  III edizione del Festival Itinerante Internazionale di Poesia  “Acque di Acqua”
www.festivalinternazionalepoesia.it

Parte la carovana della poesia itinerante internazionale. Stazione di partenza Cormòns domenica 22 maggio, quella di arrivo Redipuglia 23 settembre, nel mezzo ben 22 tappe con poesia e musica attraversando cinque nazioni: Repubblica Ceca, Austria, Slovenia, Croazia e Italia, la nostra regione ed il Veneto. Una manifestazione proposta dall’associazione Culturaglobale di Cormòns e associazione Equilibri di Gorizia, denominata “Camminando, Camminando” III edizione del Festival itinerante Internazionale di Poesia “Acqua di acque”, che quest’anno, dopo Celso Macor e Elio Bartolini, ha come poeta di riferimento il compianto Luciano Morandini.

Le tappe:
Cormòns 22/05, Aviano 25/05, Udine 26/05, Trieste 11/06, Cormòns 12/06, Reana del Rojale 15/06, Medea 15/06, Beroun Repubblica Ceca 18/06, Lestizza di Galleriano 18/06, Gorizia 24/06, Campoformido 25/06, Pozzuolo del Friuli 30/06, Fiume/Rijeka Croazia 01/07, Portogruaro 02/07, Romàns d’Isonzo 08/08, Grimacco, Topolò/Toplove 08/08, Gradisca d’Isonzo 16/07, Caporetto/Kobarid Slovenia 16/07, Moraro 08/08, Basiliano 31/08, Seeboden (Carinzia) Austria 10/09, Redipuglia 23/09.

I direttori artistici
Renzo Furlano e Francesco Tomada Culturaglobale Cormòns
Giovanni Fierro Equilibri Gorizia

| Lunedì 23 Maggio 2011 at 11:04 am | | doubleVie, succede | Nessun commento
Tag usati:

Premio Cetonaverdepoesia

E' in partenza la quarta edizione del premio Cetonaverdepoesia, destinato agli under 35. Maggiori informazioni, incluso il bando, sul sito del premio: /www.cetonaverdepoesia.it . La scadenza è il 15 maggio 2011.

| Giovedì 24 Marzo 2011 at 8:55 pm | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati:

Una mia poesia su World Literature Today

Nell'ultimo numero di World Literature Today, rivista dell'Università dell'Oklahoma, è presente anche la traduzione di una mia poesia (Invecchiare) tratta da Algoritmi. Il numero è dedicato al rapporto tra scienza e letteratura ed è curato da Pireeni Sundaralingam, che mi ha contattato tramite Fabiano Alborghetti (che ringrazio e che è stato anche il tramite verso il traduttore, Anthony Robbins).

| Mercoledì 09 Febbraio 2011 at 11:52 am | | doubleVie | Nessun commento
Tag usati: ,