Tag overview for: 'recensione'

Entries on this site with 'recensione'

  • Su Un buon posto per morire di Tullio Avoledo
    Come mi era già capitato in passato, ho "ritrovato" tra i miei file una mezza recensione a Un buon posto per morire di Tullio Avoledo, immaginata per un settimanale, e la
  • Gli scrittori inutili (E.Cavazzoni)
    Io con Cavazzoni mi diverto sempre. Gli scrittori inutili. 7 lezioni e 49 casi (E.Cavazzoni, Guanda 2010)  contiene 49 racconti tra lo stralunato ed il sarcastico sul mon
  • Mandate a dire all'imperatore (P.Cappello)
    Mandate a dire all'imperatore (P.Cappello, Crocetti 2010) cresce sulle ultime poesie di Assetto di Volo (Crocetti 2006), dove si poteva già individuare una poetica nuova,
  • Pilone (W.Faulkner)
    Non è esattamente un libro da spiaggia, Pilone (W.Faulkner, Adelphi 2010). L'ho preso per la copertina: un aereo che ha poco a che fare con gli aerei descritti nel libro,
  • Il nipote del Negus (A.Camilleri)
    ‎ "Se i fatti più importanti sono del tutto inventati, rimane pur vero il clima di autentica stupidità generale, tra farsa e tragedia, che segnò purtroppo un'epoca": così
  • Tempo d'estate (J.M.Coetzee)
    Gran bella idea. Tempo d'estate (J.M. Coetzee, Einaudi 2010) è una specie di (auto)biografia postuma, consistente nel resoconto dei dialoghi di un biografo di Coetzee che
  • Bianco su nero (R.Gallego)
    E' difficile scrivere di disabilità; Ruben Gallego, in Bianco su nero (Adelphi 2004) racconta la sua storia, che dovrebbe essere quella di un privilegiato, ma diventa que
  • L'uomo duplicato (J.Saramago)
    Quando mi sono comprato Caino, alla cassa ho trovato anche una ristampa economica de L'uomo duplicato (J.Saramago, Feltrinelli 2010), che non avevo mai letto. E' un Saram
  • Storie impreviste (R.Dahl)
    Io non ho letto Dahl da piccolo, e probabilmente mi sono perso qualcosa che ho cercato già di recuperare, da adulto, leggendo (con gusto) Gli sporcelli. Storie impreviste
  • La vita fa rima con la morte (A.Oz)
      La vita fa rima con la morte (A.Oz, Feltrinelli 2010) ha sotto una idea molto bella: ogni persona incontrata dallo scrittore protagonista, nella sua testa  diventa istan
  • I cani vanno avanti (V.Brunettin)
    Sto cercando di recuperare l'arretrato di microrecensioni: ancora 5 e sono all'attualità (qui per un'anteprima).Purtroppo I cani vanno avanti (V.Brunettin, ALET 2010) non
  • Caino (J.Saramago)
    Nell'ultimo mese ho letto un paio di libri di Saramago, tra cui Caino (Feltrinelli 2010), il suo ultimo lavoro. E' nello stesso filone de Il Vangelo secondo Gesù, anche s
  • Figlio del secolo (T.Maniacco)
    Figlio del secolo (ed. KappaVu, 2008) è un altro racconto autobiografico di Tito Maniacco, relativo questa volta al periodo dell'infanzia e prima adolescenza fino alla se
  • Mestri di mont (T.Maniacco)
    Uno dei libri autobiografici di Tito Maniacco è questo bel Mestri di mont (T.Maniacco, Il Menocchio 2007), in cui narra del suo primo incarico come maestro supplente a Mo
  • L'ombra del falco (P.Porazzi)
    Non è il genere di libri che leggo normalmente, ma è ambientato a Udine e conosco l'autore: L'ombra del falco (P.Porazzi, Marsilio 2010). Un noir tirato, zeppo di persona
  • L'illusione di dio (R.Dawkins)
    L'illusione di dio (R.Dawkins, Mondadori 2008) è un bel libro che mi ricorda che, quando dico di essere agnostico, lo faccio solo per calmare eventuali discussioni con l'
  • L'imbalsamatrice (M.B.Tolusso)
    Con colpevole ritardo scrivo finalmente de L'imbalsamatrice (M.B.Tolusso, Gaffi 2010). Difficile scrivere del libro di un'amica, ma per fortuna è meno difficile se il lib
  • L'inglesina in soffitta (L.Masali)
    A trovarli, in libreria i libri di Masali sono piazzati di solito tra quelli di fantascienza, e questo perché l'autore si sollazza con i se e con i ma: pratica ciò che al
  • Padroni a casa nostra (G.M.Villalta)
    Padroni a casa nostra (G.M. Villalta, Mondadori 2009) sarebbe un saggio, ma per scriverlo Villalta non si toglie i panni del poeta e narratore. Il sottotitolo -Perché a N
  • le bugie della scienza (F.Di Trocchio)
    Lettura a cavallo tra lavoro e piacere: Le bugie della scienza (F. Di Trocchio, Mondadori 1994). Il libro tratterebbe dei comportamenti dal sotterfugio alla truffa adotta
  • L'anno dei dodici inverni (T.Avoledo)
    Sono di nuovo in ritardo: leggo più velocemente di quanto scriva. Scrivere de L'anno dei dodici inverni (T.Avoledo, Einaudi 2009) in realtà mi viene difficile, perché non
  • I gnognosaurs (D.Venier)
    Dree Venier ha finalmente raccolto i suoi Gnognosaurs (ed. L'Omino Rosso, 2009) in un bel libretto a colori, con una specie di capitolo zero di gnognosaurologia e delle s
  • Everyman (P.Roth)
    Sono di nuovo in ritardo, cercherò di recuperare i libri letti alla fine del 2009...Secondo Roth nell'arco di poco tempo: Everyman (Einaudi 2007). Io Roth lo leggo volent
  • La ragazza di Vajont (T.Avoledo)
    Ieri sera, alla presentazione de L'anno dei dodici inverni di Avoledo, mi sono ricordato che subito dopo avere letto La ragazza di Vajont (Einaudi 2008) avevo scritto di g
  • Chesil Beach (I.McEwan)
    Ho amato molto certo McEwan, a partire da quel Giardino di cemento che ho dovuto leggere tutto d'un fiato (e di cui ho anche apprezzato la versione cinematografica). Da q
  • Indignazione (P.Roth)
    Sono di nuovo indietro con i libri letti (poco tempo), e comincio l'aggiornamento con Indignazione (P.Roth, Einaudi 2009). Come mi capita spesso con Roth, mi sembra quasi
  • Un luogo incerto (F.Vargas)
    E' il primo Vargas che leggo (Un luogo incerto, F.Vargas, Einaudi 2009), e non ne sono stato granché contento; troppo splatter/gotico per i miei gusti, anche se ad un cer
  • Il prof è sordo (D.Lodge)
    Lungo, lungo. Il paio di Lodge letti anni fa mi avevano divertito, ed adesso probabilmente avrei anche apprezzato, ma purtroppo questo Il prof è sordo (D.Lodge, Bompiani
  • Stella distante (R.Bolaño)
    Dopo tanto tempo ho riletto un Bolaño, Stella Distante (Sellerio 2009). Vicino a I detective selvaggi per stile ed ambientazione, mi è quindi piaciuto anche questo. E' la
  • Esco presto la mattina (M.Cacciapuoti)
    Su suggerimento di un'amica ho letto Esco presto la mattina (M.Cacciapuoti, Garzanti 2009). E' la storia di un giovane napoletano molto fortunato in amore, lavoro, arte,
  • Parentopoli (N.Luca)
    Sono di nuovo indietro con i libri letti; cercherò di recuperare. Parentopoli (N.Luca, Marsilio 2009) nasce dalle inchieste del giornalista Nino Luca (Corriere della Sera
  • Zia Mame (P.Dennis)
    Sempre tra le cose leggere portate in viaggio, c'è anche Zia Mame (P.Dennis, Adelphi 2009). Pubblicato negli Stati Uniti negli anni '60, è costituito da una serie di racc
  • Morti di carta (A.Gimenez Bartlett)
    Morti di carta (A.Gimenez Bartlett, Sellerio 2002): è il quarto che leggo della Bartlett, portato dietro in un viaggio in cui volevo leggere leggero, e così è stato. Cons
  • Il contagio (W.Siti)
    Per me è stato difficile leggere Il contagio (Walter Siti, Mondadori 2008) come fosse un romanzo. Anche se la scrittura è curata, a tratti al limite del poetico, l'impian
  • Causa di forza maggiore (A.Nothomb)
    Mi stavo dimenticando che in agosto ho letto anche Causa di forza maggiore (A.Nothomb, Voland 2009); una ragione ci sarà. Sarà che inizio un po' a stufarmi io, ma forse i
  • Serpenti nel paradiso (A. Gimenez-Bartlett)
    Terzo della Bartlett per me, tutti quest'estate (Serpenti nel paradiso, Sellerio 2003): il leggero ogni tanto serve, ed in questo ho ritrovato l'anticlericalismo franco c
  • Una testa selvatica (M.S.Roger)
    Una testa selvatica (M.S.Roger, Ponte alle Grazie 2009): l'avevo preso a scatola chiusa, per titolo e copertina, ma è la prova che anche l'istinto sbaglia. L'ho finito so
  • Stabat Mater (T.Scarpa)
    Di solito non ho idea di chi vinca i premi di narrativa, comunque mi sono letto il Premio Strega di quest'anno (Stabat Mater, T.Scarpa, Einaudi 2009). Di Scarpa avevo già
  • La vita agra (L.Bianciardi)
    Tra le mie letture estive c'era anche La vita agra (L.Bianciardi, Bompiani). E per fortuna: sto leggendo una serie di libretti che mi lasciano sempre parzialmente insoddis
  • La strage degli imbecilli (C. Aderhold)
    Libro estivo dal titolo e quarta di copertina accattivanti, come accattivante è l'idea: La strage degli imbecilli (Carl Aderhold, Fazi 2009) purtroppo non regge sulla dis
  • L'ubicazione del bene (G.Falco)
    Quando sono arrivato a pagina 17, quarta riga, ho pensato: mascalzone d'un Falco... del resto, il titolo di un libro di Giorgio Falco (L'ubicazione del bene, Einaudi 2009
  • Vita precaria e amore eterno (M.Desiati)
    Scrivo solo ora di un libro finito ormai qualche tempo fa: Vita precaria e amore eterno (Mario Desiati, Mondadori 2007). A temi tipici del romanzo giovane ed alternativo,
  • Dizionario dei nomi propri (A.Nothomb)
    Non è il suo libro migliore: Dizionario dei nomi propri (A.Nothomb, Voland 2004). Mantiene le aspettative per chi ama la Nothomb, ma in un certo senso manca di slancio, è
  • Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici) (P.Odifreddi)
    Nell'ultimo viaggio (tra l'altro, seduto per terra in un Eurostar stracarico causa scioperi regionali), sono finalmente riuscito a leggere Perché non possiamo essere crist
  • Le mosche del capitale (P.Volponi)
    Dopo Avoledo e Nothomb, era forse inevitabile (per me) la lettura di Le mosche del capitale (P.Volponi, Einaudi 1989), trovato poco tempo fa tra i remainders. In questo è
  • Breve storia di lunghi tradimenti (T.Avoledo)
    Questa è la mia recensione a Breve storia di lunghi tradimenti (Tullio Avoledo, Einaudi 2007), uscita la settimana scorsa sul settimanale Il Nuovo FVG 19/305. E' piaciuta
  • L'algoritmo del parcheggio (F.Honsell)
    Nella lista dei libri a sfondo scientifico che pian pianino stanno comparendo nella mia libreria, ora c'è anche quello del mio datore di lavoro: L'algoritmo del parcheggi
  • Da ieri su Il Nuovo FVG (e altrove)
    Sul settimanale Il Nuovo FVG è uscita una mia recensione a Breve storia di lunghi tradimenti di Tullio Avoledo (di cui mi rendo conto ora non ho mai scritto qua sul blog.
  • La soffitta sconosciuta (J.R.Townsend)
    Una gentilissima persona (grazie!) mi ha spedito un libro per ragazzi che ho a lungo cercato, anche parlandone sul sito di Fahrenheit, e che anni fa ero riuscito a fotoco
  • La coda lunga (C.Anderson)
    ...ed ho anche finito La coda lunga (C.Anderson, Codice 2007). Ho altri due libri a contenuto scientifico (o parascientifico...) da finire. Anderson è direttore di Wired;
  • Tutto il mondo ha voglia di ballare (A.Garlini)
    Ho appena finito il nuovo romanzo di Alberto Garlini: Tutto il mondo ha voglia di ballare (Mondadori, 2007). E' ambientato negli anni '80, ed annovera tra i personaggi un
  • Il ponte (V.Trevisan)
    Il ponte (un crollo) (V.Trevisan, Einaudi 2006) è un libretto agile come le opere precedenti di Trevisan, che si fa pure leggere rapidamente in virtù del ritmo spedito ch
  • Morte in lista d'attesa (V.Heinichen)
    Non lo conoscevo, ma mi ha incuriosito: Morte in lista d'attesa (V.Heinichen, E/O 2006). Heinichen vive da anni a Trieste e lì ha ambientato questo ed altri romanzi (ques
  • Porno (I.Welsh)
    Questa è una nota di lettura che tramite Google mi porterà una certa quantità di visitatori (che poi abbandoneranno il blog delusi). A Natale, assecondando lo spirito del
  • Il libro di Blanche e Marie (P.O.Enquist)
    Cercando altro, sono incappato in una recensione di Mario Turello (Messaggero Veneto, 7/11/2006) de Il libro di Blanche e Marie (P.O.Enquist, Iperborea 2006), che mi ha f
  • Le Letture facoltative della Szymborska
    Non solo cose serie legge la Szymborska, ed un pochino si nota anche da certe poesie. Letture facoltative (W.Szymborska, Adelphi 2006) è una raccolta di recensioni a quei
  • E' uscito l'Almanacco dello Specchio
    E' uscito l'Almanacco dello Specchio 2006. Eterogeneo per contenuti, presenta inediti, tra gli altri, di Buffoni, Pennati, Bacchini, Krumm, Ballerini, Porta, Raimondi, Ma
  • Il dottor Semmelweis (L.F.Céline)
    E' una tesi di laurea: Il dottor Semmelweis (L.F.Céline, Adelphi 1975) è la tesi di laurea dello studente di medicina Destouches, poi diventato Céline. Racconta gli event
  • La follia di Banvard (P.Collins)
    La follia di Banvard (P.Collins, Adelphi 2006) è una collezione di tredici biografie "di uomini e donne che non hanno cambiato il mondo": persone che hanno avuto grandi i
  • Caos Calmo (S.Veronesi)
    Finito. Caos calmo (S.Veronesi, Bompiani 2005) mi ha preso un po' di tempo perché 1) ho letto altre cose nel frattempo, e 2) dopo un po' mi sono leggermente demotivato. V
  • Il mio nome è rosso (O.Pamuk)
    Lettura dovuta, per un autore di cui mi era ignota l'esistenza prima del Nobel. Ho scelto Il mio nome è rosso (O.Pamuk, Einaudi 2005) come primo approccio. E' una specie
  • Il fucile da caccia (I.Yasushi)
    Quando ci troviamo per preparare le letture di Librarsi (a proposito, prossima puntata: mercoledi 18), portiamo diversi libri a testa e poi facciamo selezione. Capita che

Related tags

Yasushi

External feeds for 'recensione'

Click icon for a list of links on 'recensione'

Technorati Del.icio.us Furl Ma.gnolia Google Icerocket TagZania 43 Things

Flickr images for 'recensione'